VIDEOLINA TISSI

08/02/2019

Tissi è stato il primo paese ad aver finanziato con risorse proprie un progetto di inserimento socio-lavorativo di due persone detenute presso il carcere di Bancali e beneficiarie di Art.21. Un progetto che è riuscito soprattutto a far incontrare le persone e ad abbattere il muro della diffidenza.
Si sono incontrare forze politiche diverse (è stato un gruppo di opposizione a proporre l’idea alla giunta) e poi si sono incontrati i cittadini con i beneficiari che, prendendosi cura delle strade e del verde pubblico della cittadina, ne sono diventati una risorsa. Come dice il sindaco Budroni nel servizio di Videolina, il successo del progetto sta proprio nell’integrazione. Così, trascorsi i 6 mesi stabiliti inizialmente, l’amministrazione di Tissi ha prorogato di altri 12 mesi la durata dell’iniziativa, confermandone il successo.
L’integrazione, la riconquista del sé, un cambio di prospettiva sia per i beneficiari diretti, i detenuti, che per la comunità, sono gli obiettivi che stanno alla base dei progetti di inserimento socio-lavorativo che portiamo avanti da oltre 7 anni con minori e con adulti. Progetti che spesso raggiungono gli obiettivi.

Link al servizio di Videolina “TISSI, DETENUTI AL LAVORO: << SONO PARTE DELLA NOSTRA COMUNITÀ”:

http://www.videolina.it/articolo/tg/2019/02/08/tissi_detenuti_al_lavoro_sono_parte_della_nostra_comunit-78-832782.html